29 febbraio

1928

LIVORNO – Il barbiere livornese Ilio Antoni, accusato di appartenere al ” disciolto ” Partito Comunista  per essergli stata trovata addosso stampa sovversiva, viene processato ma assolto (MdAL).

1930

BELGIO – L’anarchico scarlinese Angiolino Bartolommei, fuggito dalla Francia per sottrarsi alla pena capitale inflittagli per l’uccisione del prete don Cesare Caravadossi che cercava di corromperlo e convincerlo alla delazione, viene liberato dalle autorità belghe in seguito ad una campagna di pressione internazionale delle forze politiche di sinistra (BAG).

1944 

ABBADIA S.SALVATORE – Manifestazione di donne e ragazzi che rivendicano un aumento della razione di farina e di grano. Prima di sciogliere il corteo lasciano nei locali del municipio una vecchia corona funeraria con la scritta “Per il Podestà ” e cantano “Bandiera Rossa” (CRT).

AUSCHWITZ – Nel lager nazista, non sopravvive alla Shoah l’ebreo senese Vittorio Emanuele Sadun, figlio di Gino e Adele Ajò, nato nella città del Palio il 13 marzo 1902. Coniugato con Matilde Calò, viene arrestato a Firenze (CDE).

PIOMBINO – A Follonica, Castagneto Carducci e Monterotondo marittimo, su ordine del comando militare di Livorno, vengono inviati sappisti piombinesi per organizzare in loco le S.A.P. (CRT).

RAVI – Nella macchia di Pietra Querciona, si costituisce un gruppo partigiano che si sposta verso vetulonia e confluirà nella Banda Thomm (CRT)

SIENA – Azione dei ribelli contro una pattuglia di carabinieri, dei quali 2 rilasciati e 2 catturati (Questura di Siena).