30 dicembre

1887 

PISA – Nasce Angelo Rosellini. Risiede a S.Maria a Monte dove fa il contadino ed è politicamente attivo dal 1919. Fin dal 1922 è schedato come comunista e, nel gennaio 1927, viene diffidato. Radiato 2 anni dopo, nel 1929, evidentemente non più ostile al regime (CPC).

1912

SIENA – A questa data, secondo una nota della Prefettura, risultano essere 700 le adesioni dei lavoratori alla Camera del Lavoro (CLS).

1920 

S.QUIRICO di Sorano – Quattro fascisti del luogo – Domenico Pampanini, Giovan Battista Tascio (di Grotte di Castro), Giulio Capocchi e Giuseppe Minori, questi ultimi due pregiudicati – in località La Selva, tendono un’imboscata al sindaco socialista Crispino Lombardi, accoltellandolo in parti non vitali. Solo il pronto intervento di due giovani passanti – Arnolfo Pucci e Goffredo Tramontana – che ”si sbarazzano dei malintenzionati” evitano peggiori conseguenze (SCA).

1923

PIOMBINO – Il farmacista cattolico Silvio Mina viene nuovamente aggredito dai fascisti, questa volta mentre è in compagnia di Emilio Micaelli, altro esponente popolare (FAR).

1937

GROSSETO – La Polizia fascista perquisisce la casa di Annunziata Duchini, matrigna del comunista Vittorio Alunno, espatriato per combattere nelle Brigate Internazionali in Spagna, dove troverà la morte a Campillo.

1938 

BOCCHEGGIANO– Il gruppo comunista clandestino “O 3 R” ratifica l’ammissione di un nuovo militante che, seguendo la regola, assumerà il numero progressivo “12” (TMV).

1942

MASSA Marittima – Fuori delle logge del centrale Caffè della Posta, i fascisti picchiano con un nerbo di bue Elvezio Cerboni, futuro partigiano fucilato a Pisa nel 1944. Mandante è il dott. Giuseppe Niccolini, lo stesso che, alla caduta del fascismo, offrirà pesanti somme di denaro per dimenticare le sue violenze (LPP).

1943 

MANCIANO – 5 individui (sembra russi ) a sera asportano 300 kg. di dinamite ed altro materiale dalla miniera di Macchia Casella (CRT).

MASSA Marittima – Il comandante Chirici sposta la sua sezione comando da Poggio di Prata a Poggio alla Croce (RAM).

VOLTERRA – Arresto degli antifascisti volterrani Giulio Santini, Carlo Perozzi, Primo Baldanzi, Guglielmo Giannelli e David Volterrani.

1953

STICCIANO Scalo – Operai e braccianti costituiscono la Cooperativa di consumo “L’Avvenire” (URI).