21 dicembre

1881 

PISA – Nasce Torquato Pratali. Schedato con la dicitura “E’ sempre stato di idee sovversive“, fa il bottaio e risiede a Viterbo. Nell’agosto 1937 è arrestato per esaltazione della Spagna repubblicana e confinato a Ruoti per 2 anni, pena scontata fino alla liberazione in occasione del Natale 1937 (CPC).

ROSIGNANO Marittimo – Nasce Ersilio Gianfaldoni, di Alessandro. Calzolaio anarchico, per la sua attività le forze della repressione lo sorvegliano dal 1912 al 1933, anno in cui arriva la radiazione dal Casellario Politico (PVQ,39).

1883

S.CROCE sull’Arno – Nasce Garibaldo Duranti, meccanico. Politicamnete attivo dall’anteguerra, ripetutamente condannato dal 1919 al 1929 per detenzione d’arma, oltraggio, tentato espatrio clandestino, è arrestato il 31 marzo 1937 per avere inneggiato al comunismo e alla Spagna Rossa e per questo confinato per due anni, pena commutata in ammonizione dal 10 maggio 1937, allorché motivi di salute lo portano anche al proscioglimento in occasione del Natale dello stesso anno. Evidentemento non piegatosi, viene difidato per discorsi antifascisti nel febbraio 1943 e arrestato a fine luglio 1943 per manifestazione in occasione della caduta della dittatura, con conseguente condanna a 1 anno di reclusione dal Tribunale Militare (CPC).

1887

LIVORNO – Nasce Gino Niccolai, manovale. Licenziato nel 1925 per attività comunista, nel 1931 si vede assegnare due anni di confino a Lipari. Altre condanne successive lo portano nelle carceri di Fossano, Civitavecchia e Castelfranco Emilia per lunghi anni. Sempre attivo antifascista, fu sorvegliato fino al crollo del regime. Non gli mancarono energie e convinzione per partecipare attivamente anche alla Resistenza (RLL).

1888

LIVORNO – Nasce Amilcare Giannoni. Pulitore di vetri, attivo dall’immediato dopoguerra, comunista arrestato e diffidato per propaganda antifascista nel gennaio 1935. Risulta ancora vigilato nel 1940 (CPC).

1905 

POGGIBONSI – Nasce Giovanni Semplici. Vetraio, è arrestato per organizzazione comunista nel giugno 1932, deferito al Tribunale Speciale e liberato per l’amnistia del novembre 1932. Condannato a 6 mesi di reclusione per oltraggio nel marzo 1934, nel giugno dello stesso anno viene ammonito per propaganda comunista, pena inflittagli per 2 anni interamente scontati. Nel 1942 risulta ancora sotto vigilanza fascista (CPC).

1912

CASCINA – Nasce Silvano Guelfi, combattente in Spagna nelle Brigate Internazionali (OSR).

MONTICIANO – Nasce Benito Boldrini, operaio e militante comunista. Espatriato con la famiglia nel 1924, svolge attività antifascista in Francia e nel Principato di Monaco. Arrestato al rimpatrio il 23 dicembre 1942 e confinato a Pisticci per 5 anni. Liberato dopo la caduta del regime il 16 agosto 1943 (CPC).

PIOMBINO – Nasce Enrico Mussio, partigiano combattente nella Resistenza piemontese con il Comando del 4° Settore (IRT).

SIENA – Nasce Armando Vivarelli, agente di polizia ferroviaria rastrellato dai nazisti e fucilato per rappresaglia antipartigiana insieme ad altre 8 persone, tra le quali suo padre Eugenio, in località Biagioni a Granaglione nel bolognese (DBPB).

1914

PISA – Nasce Liana Millul, figlia di Corrado Millul e Gina Pia Essinger: per le leggi razziali fasciste, viene arrestata a Venezia e deportata nel campo di sterminio di Auschwitz. È comunque sopravvissuta alla Shoah (CDE).

1917

PIOMBINO – Nasce Ivo Bartali. Autista, residente a Oulx (To), già caporalmaggiore di artiglieria sul fronte croato. Riconosciuto benemerito per i periodi 27.06 – 15.08.1944 e 2.01 – 8.06.1945 di collaborazione con la Brigata partigiana M. Assieta della 1ª Divisione Autonoma (IRT).

1922

LIVORNO – Cinque fascisti, verso le 23, irrompono nella casa del panettiere Alessandro Chiappe per ucciderne il nipote, l’anarchico Giuseppe De Fusco, esponente della Camera del Lavoro sindacale. Il giovane è irreperibile, gli ”italianissimi” sfogano la loro criminale ferocia sparando più volte sul fornaio paralitico e ferendolo al braccio sinistro, al fianco sinistro e nella regione toracica [Chiappe è invalido dal 1898, allor quando, durante l’assalto proletario ai forni del pane di Borgo Cappuccini, rimane colpito da una pallottola al midollo spinale, perdendo l’uso delle gambe]. Poco dopo la mezzanotte, in Via della Lepre, una squadra di camicie nere penetra nello stabile dove abita l’ex assessore socialista Leonello Marcaccini sparandogli una cinquantina di colpi contro la porta dell’appartamento, dopo aver invano cercato di forzarla (RLL).

1923

MASSA MARITTIMA – Nasce Torquato Fusi, futuro partigiano della ‘Camicia Rossa’ IIIª Brigata Garibaldi, poi Senatore della repubblica per il PCI dal 1968 al 1976 .

1927 

SIENA – Nasce Alvaro Gallorini. Col nome di battaglia “Dak“, arà un partigiano combattente in Liguria nella IIIª Brigata Briganti – Iª Divisione Garibaldi Bevilacqua (ILSREC).

1943

 LIVORNO – Tagliati e asportati 50 m. di cavo telefonico tedesco (CRT).

VOLTERRA – Arresto dell’ antifascista volterrano Guglielmo Cortini (ANPI Volterra).

1947

PORTOFERRAIO – Durante il comizio in una gremita piazza Cavour, il comunista internazionalista Aldo Lecci incita gli operai elbani a difendersi “con i mezzi che il potere impiega contro di essi” .  Nel putiferio politico che ne segue, spicca la reazione democristiana che sul proprio giornale murale chiede l’arresto dei militanti del PCINT (CRP).