30 novembre

1866

LIVORNO – Nasce Alfredo Bartolucci. Schedato come “anarchico audace e pericoloso” dal 1895, subisce da allora condanne al carcere, domicilio coatto, ammonizione, fino al decesso che avviene il 24 febbraio 1927 (CPC).

1910 

ORBETELLO – Nasce Vittorio Tocchetti. Dattilografo, comunista residente a Napoli, nel gennaio del 1931 viene arrestato per propaganda comunista nell’esercito, dove è caporale di artiglieria. Il Tribunale Speciale lo manda assolto per non provata reità. Ma i fascisti continuano a vigilarlo a lungo, almeno fino al 1940 (CPC).

1911

LIVORNO – Nasce Silvio Ceccato, Magda, partigiano combattente nella Resistenza piemontese con la 6ª Brigata della Divisione Matteotti (IRT).

1913

POGGIBONSI – Nasce Ottorino Giusti. Vetraio, arrestato nell’aprile 1934 per organizzazione comunista, prosciolto per insufficienza di prove dal Tribunale Speciale e diffidato. Nel dicembre dello stesso anno è ammonito fino al maggio 1936, con proscioglimento in occasione della proclamazione dell’impero. Nuovamente ammonito nel luglio 1937 per ascolto di trasmissioni radio della Repubblica spagnola e nuovamente prosciolto per natale 1937. Risulta ancora sotto vigilanza nel 1942 (CPC).

PONTEDERA – Nasce Volante Bimbi: parteciperà alla Resistenza in Piemonte come patriota della 6ª Brigata Sap G. Scali (IRT).

1919

ABBADIA di Montepulciano – La Casa del Popolo di Abbadia è protagonista di un convegno che riunisce tutte le Leghe coloniche della Valdichiana per approvare, insieme ai proprietari terrieri, un nuovo patto colonico (Punto paas di Abbadia di Montepulciano).

1922 

CORNIGLIANO (Ge) – Arresto del comunista rosignanese Guglielmo Ciulli “per complicità in distribuzione di manifestini del partito comunista“. Resterà in galera fino al febbraio successivo (PVQ,40).

1930 

LIVORNO – Nasce Ugo Lazzeri, nome di battaglia “Balilla“, partigiano dal luglio 1944 al 25/4/1945 con sugli Appennini la Brigata  “Leone Borrini” (UBO).

1936

LIVORNO – Sono arrestati, a bordo di un motoscafo, l’operaio Alfredo Campi, antifascista, la casalinga comunista Gioiosa Baldacci, l’autista Tito Sbolci e l’operaio manovale Carlo Giusti, comunisti: tutti sono accusati di tentato espatrio clandestino allo scopo di arruolarsi nelle Brigate Internazionali (RLL). Il Giusti sconterà un anno di confino (CPC). Nello stesso giorno, il meccanico comunista Oreste Lenzi è nuovamente arrestato, questa volta, anche lui, per tentato espatrio al fine di arruolarsi nelle formazioni antifranchiste in Spagna. Subirà per questo 5 anni di confino (CPC). Con lui, lo sterratore Bruno Picchi, militante comunista, che vedrà infliggersi la condanna ad 1 anno di confino e la successiva vigilanza (CPC).

1942

PIOMBINO – Viene arrestato l’antifascista Luigi Boccalini, originario di Scansano, per aver istigato alcuni militari a disobbedire alle leggi, oltreché per offese a Mussolini: processato dal Tribunale Speciale, gli verranno inflitti 5 anni (CPC).

1943 

ARCIDOSSO – La milizia fascista rastrella l’ebreo Egon Sigmund Mosbach (1892): portato prima a Roccatederighi campo, quindi a Fossoli campo, infine ad Auschwitz da dove non farà più ritorno (EIT).

CAMPIGLIA Marittima – In località Cafaggio, elementi della banda Partigiana di Poggio alla Marruca preparano un’imboscata al Commissario straordinario del PFR Giovanni Giampieri di Piombino ed al comandante della MVSN di Campiglia Marittima che, fatti segno di colpi di arma da fuoco, scampano per un soffio (LDIIR).

CASTELL’AZZARA – In seguito alle leggi razziali fasciste, sono arrestati – e, ad Auschwitz, non sopravviveranno alla Shoah – i cittadini ebrei Berta Della Riccia [figlia di Erasmo Della Riccia e Egle Di Veroli, nata a Pisa il 20 ottobre 1910], suo padre Erasmo Della Riccia [figlio di Pace Della Riccia e Fortunata Coen, nato a Livorno il 16 agosto 1887. Coniugato con Egle Di Veroli] e suo marito Natale Finzi [figlio di Guido Finzi e Anita Pesaro, nato a Livorno il 18 novembre 1908]  (CDE).

FOLLONICA – La polizia fascista irrompe nelle case di vari patrioti: alcuni sono arrestati ed altri riescono a nascondersi alla macchia. Durante le perquisizioni viene catturato un ufficiale americano ex prigioniero ma il civile che lo ospitava riesce a fuggire via mare. In seguito a tutti questi arresti, il CLN locale si autoscioglie.

GAVORRANO – Si forma con 12 uomini un distaccamento che confluirà nella Banda Thomm (CRT).

MAGLIANO in Toscana – In località Campo Spillo la GNR, in seguito a una delazione, rintraccia il deposito del CPLN e sequestra il materiale (CRT).

PIOMBINO – ” Mentre il soldato germanico sta nella fase decisiva per l’annientamento del bolscevismo e delle plutocrazie ebraiche, il lavoratore italiano può contribuire alla ricostruzione del nostro continente ed allo sviluppo della produzione europea con la sua opera “. Nonostante la martellante campagna propagandistica per recarsi volontariamente a lavorare in Germania per i nazisti, a questa data a Piombino, su 475 disoccupati ufficialmente registrati, si sono presentati per essere inviati in Germania solo 11 donne e 17 uomini (LDIIR).

PISA – In una retata fascista, arresto dell’ebreo Davide Finzi che, deportato nel campo di sterminio di Auschwitz, non sopravvivrà alla Shoah (CDE).

S.VINCENZO – Le armi dei militari italiani sbandati sono nascoste nella miniera di Montevalerio a disposizione del GAP piombinese e delle SAP di Campiglia Marittima (CRT).