4 ottobre

1856 

ROSIGNANO Marittimo – Nasce Urbano Pretoni, di Marco. Calzolaio e anarchico, è sorvegliato dalle forze della repressione nell’interminabile periodo che va dal 1898 al 1943. La sua radiazione dal Casellario Politico avviene sicuramente per l’età (PVQ,51).

1865

LIVORNO – Nasce Flaminio Corcos, ebreo deportato dai nazifascisti e deceduto ad Auschwitz (EIT).

1871

LIVORNO – Informatori segnalano al Prefetto di Pisa che a Livorno il 4 ottobre sono presenti “circa trenta individui della solita feccia del paese e fra questi Emilio Sequi … Pilade Dell’Omo D’Arme , Jacopo Sgarallino … Giuseppe Bini, Oreste Falleri, Ferdinando Tagliagambe, Gaetano Dato … Pasquale Sgarallino, Corrado Dodoli … si tratta dell’ adunanza di far lega e fusione con la società internazionale di Livorno denominata dei Liberi Pensatori ed alla apertura dell’ Università di incitare la scolaresca ad entrare nella società … ” (ALS).

1889 

LIVORNO – Nasce  Arturo Sposini, meccanico, antifascista attivo dal 1920. Arrestato nell’aprile 1941 per divulgazione di notizie apprese da Radio Londra, è confinato a Pisticci per 2 anni, poi ridotti ad uno solo in appello. Liberato nel gennaio 1941 (CPC).

1890 

MANCIANO – Nasce Raimondo Aldi, partigiano combattente nel Lazio nella Banda Neri dal 9.09.1943 al 5.06.1944. (ANPI Roma).

1902 

PORTOFERRAIO – Nasce Mirco Maranca. Operaio anarchico, nel settembre 1936 è arrestato per discorsi e canti sovversivi. Confinato a Tremiti per 5 anni, poi ridotti a 2 in appello, quindi commutati in ammonizione dal 18 gennaio 1938. Nel 1942 risulta ancora sotto vigilanza fascista (CPC).

1906 

PIOMBINO – Nasce Francesco Tozzi, nome di battaglia Nodo, partigiano combattente nella Resistenza piemontese con il Comando della Divisione Cattaneo (IRT).

1907

GROSSETO – Un mandato di cattura colpisce l’ anarchico Antonio Menci e lo porta ad una condanna di 2 mesi di reclusione per la sua attività politica.

1921

STAFFOLI – In uno scontro con “sovversivi” i fascisti vengono sconfitti subendo la perdita di uno squadrista diciannovenne (SQU).

1924

VOLTERRA – Nella notte tra il 4 e il 5 ottobre, evade dal Mastio l’anarchico Oscar Scarselli, già capo della cosiddetta “Banda dello Zoppo” [ lui è infatti claudicante ], organizzazione militante di latitanti antifascisti. Suoi compagni di fuga sono l’anarchico Giuseppe Parenti ed il ciclista e acrobata Giovanni Urbani (protagonista di altre clamorose evasioni), segando tre inferriate “solide e massicce” e calandosi da un muraglione alto 18 metri con delle lenzuola tagliate a strisce e legate fra loro. ( Vedi Biografie R/esistenti ).

1931 

LIVORNO – Per aver fatto propaganda politica tra i disoccupati, viene arrestato il meccanico anarchico Augusto Guarducci, per questo confinato 3 anni tra Lipari e Ventotene (CPC).

1932

LIVORNO – I sovversivi Balilla Pierotti e Libero Belli emigrano, nascondendosi nella carbonaia del piroscafo spagnolo ‘Luchana’, sbarcando poi a Sousse in Tunisia (RLL).

1941 

GROSSETO – Nel loro percorso di deportazione a causa delle leggi razziali, sono internati a Grosseto gli ebrei stranieri Adolfo Berger (Vienna 1889) e sua moglie Berta Brosan (Cecoslovacchia 1885) (WAP).